• 16/09/2021

Vendita immobili di lusso: +25% nel 2020

Castelli, ville storiche e palazzi appartenuti a personaggi illustri del passato. C’è un mercato immobiliare che non conosce crisi, che risponde a colpi di bellezza alle richieste di chi è alla ricerca di case e dimore da sogno. Ne parliamo con Dimitri Corti, owner e ceo della società Lionard Luxury Real Estate 

Lionard è una società nata a Firenze nel 2008 che si occupa di intermediazione e vendita di immobili di prestigio in tutta Italia. Il suo compito in poche parole? Semplicemente ricercare lo straordinario. 

Un esempio di ciò di cui stiamo parlando è Palazzo Serristori a Firenze, uno dei più importanti edifici rinascimentali della città. 

Dopo un imponente restauro è la Lionard Luxury Real Estate a occuparsi della vendita, in via esclusiva, dei prestigiosi appartamenti extra lusso che nasceranno al suo interno, con prezzi che variano da due a sette milioni di euro. 

Dimitri Corti, owner e ceo Lionard Luxury Real Estate

Un palazzo che deve la sua fama anche alle celebrità che lo hanno abitato nel corso dei secoli: da Giuseppe Bonaparte, fratello di Napoleone, re di Spagna e di Napoli, che vi si rifugiò in esilio con la famiglia, e ai nobili russi Demidoff. Vi hanno soggiornato Papa Leone X dei Medici, del quale è conservato lo stemma cinquecentesco in pietra serena nell’atrio principale, oltre a intellettuali e artisti di fama internazionale come Giacomo Puccini, Gioacchino Rossini, Lord Byron e Percy Bysshe Shelley, i compositori Richard Strauss e Richard Wagner e la regina d’Italia Elena di Savoia. Abbiamo chiesto a Dimitri Corti, come si traduce la bellezza in numeri?

«Pensando alla ricchezza storica, artistica e architettonica italiana è facile immaginare quale bellezza sia oggi disponibile sul mercato – ha sottolineato il ceo della società – Sono oltre tecentole proprietà con prezzo di vendita superiore ai dieci milioni che oggi trattiamo, distribuite su tutto il territorio italiano. Ad oggi sono circa quindicimila i nostri acquirenti nel mondo, un dato in costante crescita».

Come nasce la Lionard?

«Già dal nome volevo suggerire l’italianità e l’unicità congiunta all’internazionalità in una sorta di crasi tra Leonardo, il genio per eccellenza, e Lion che racchiude la forza e il fascino del felino. Il nostro obiettivo è sempre stato rispondere alle domande di una clientela esigente e internazionale alla ricerca di immobili unici ed esclusivi».

Palazzo Serristori

Com’è andato il 2020, sono cambiate le richieste dei clienti con la pandemia?

«Le performance 2020 della nostra società sono state molto buone. Abbiamo registrato una crescita nelle vendite di oltre il 25% rispetto all’anno precedente. Le esigenze, però, sono per lo più le medesime: chi cerca immobili di lusso vuole da sempre unicità, bellezza e privacy. La crisi pandemica ha portato molti acquirenti a chiedere più che in passato spazi ampi e a privilegiare immobili situati in posizioni dominanti». 

Ma chi sono i clienti di Lionard? 

«Persone che amano profondamente l’Italia, le sue bellezze e le sue tradizioni. Quando si rivolgono a noi desiderano avere per sé qualcosa che sia emblema del made In Italy. Gli italiani hanno una conoscenza più approfondita del territorio, quindi richiedono ricerche geograficamente più puntuali; i tedeschi sono generalmente appassionati di storia, arte e ambiente. Poter acquistare castelli di impronta medievale con un passato di cui la struttura reca traccia o proprietà affacciate nella zona dei laghi al nord Italia è sicuramente un’aspirazione diffusa. Gli americani, invece, sono molto entusiasti ed estremamente sensibili ai temi della privacy, mentre i russi rimangono affascinati dalle zone glamour d’Italia e dalle proprietà capaci di prestarsi a occasioni intime conviviali».


Uno dei più importanti edifici rinascimentali della città, nei pressi di Ponte Vecchio: 5.500 mq di interni e circa 3.000 mq di giardino



APPROFONDIMENTI

www.lionard.com

Sarah Esposito