• 26/10/2021

Toscana Digital Summit, Mazzeo: “da qui passa fetta importante del percorso di ripartenza”

 Toscana Digital Summit, Mazzeo: “da qui passa fetta importante del percorso di ripartenza”

Antonio Mazzeo

Per il Presidente del Consiglio regionale, “la digitalizzazione aiuterebbe cittadini, imprese e associazioni ad avere “garanzia massima di trasparenza e la miglior efficacia ed efficienza possibile.”

Firenze, 14 luglio 2021 – Si è aperto ieri il Toscana Digital Summit, evento nato per discutere d’innovazione e crescita digitale, dedicato quest’anno al tema della innovazione digitale.

Per il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Antonio Mazzeo, intervenuto ieri nell’ambito della sessione plenaria, la digitalizzazione è il “cuore pulsante dell’agenda dei prossimi anni e non a caso è una delle parole chiave che ho messo alla base del mio mandato. Da qui passa una grande fetta della ripartenza che siamo chiamati a compiere dopo la pandemia”.

“Si tratta – ha continuato il presidente – di operare un cambio culturale nel sistema produttivo e negli enti legislativi come il Consiglio regionale: programmare e progettare azioni specifiche e coordinate in questo settore può infatti portare a raggiungere obiettivi di efficienza, semplificazione, rapidità e di un nuovo rapporto dell’Istituzione con i cittadini e le imprese, una delle grandi richieste che ci arrivano soprattutto dopo il drammatico periodo vissuto”. “A questo possiamo aggiungere l’opportunità della spinta economica del Recovery Plan per l’attuazione del Next Generation EU a cui le assemblee legislative possono dare il loro contributo, contribuendo al Piano Nazionale Ripresa e Resilienza”.

Per attuare tutto questo, il “percorso di digitalizzazione delle attività e dei rapporti del Consiglio regionale, su cui abbiamo deciso d’investire già quest’anno un milione di euro – ha spiegato Mazzeo -, passa dal tracciare un cambio di paradigma che potrebbe diventare modello da replicare anche negli altri parlamenti regionali, riorganizzando i percorsi interni ed esterni alle assemblee e quini impattando meno su diverse macro categorie.”

Insomma, la digitalizzazione aiuterebbe i cittadini, le imprese e le associazioni ad avere “garanzia massima di trasparenza e la miglior efficacia ed efficienza possibile”. “L’Ufficio relazioni con il pubblico – ha spiegato Mazzeo – , ad esempio, dovrà trasformarsi sempre più da luogo solo fisico ad assistente anche virtuale in grado d’indirizzare al meglio l’utente sulla base delle richieste poste.”

dipendenti del Consiglio regionale, sia attraverso le nuove modalità lavorative come lo smart-working e il co-working da mettere a sistema, dopo il loro utilizzo massivo durante l’emergenza pandemica, sia mediante un sistema di gestione dei documenti digitali, delle informazioni dei flussi autorizzativi e per la gestione della propria scrivania digitale, potrebbero da un lato rendere sempre più efficiente e performante il proprio operato, dall’altro essere al servizio della comunità come è nella natura di ogni istituzione pubblica.

I Consiglieri stessi trarrebbero massimo beneficio attraverso una gestione più rapida e immediata dell’iter legislativo e degli atti prima e durante le sedute consiliari. Infine, gli altri Enti pubblici trarrebbero grossi benefici, perché, ha spiegato Mazzeo, il “nostro obiettivo è da un lato garantire il massimo della interazione tra protocolli e altri canali di comunicazione istituzionale, dall’altro quello di divenire supporto ed esempio per la diffusione della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione Locale”.

Un altro pezzo di attività che “abbiamo deciso d’investire non internamente, ma rivolgendoci all’esterno e in particolar modo ai più giovani”, ha continuato il presidente, si muove sull’esperienza del Premio Innovazione e sulla condivisione con i nostri migliori talenti delle scelte programmatiche per il nostro futuro, come richiama la risoluzione approvata dall’Aula lo scorso 8 giugno.

Toscana Digital Summit è un evento organizzato da The Innovation Group, incollaborazione con la Regionenell’ambito del Digital Italy Program 2021 ed ha l’obiettivo di fare il punto sulle iniziative in corso nella Regione e nei sistemi territoriali per lo sviluppo delle infrastrutture digitali, per favorire la crescita digitale delle imprese e per il miglioramento della qualità della partecipazione e dei servizi ai cittadini.

Fonte: Ufficio stampa Consiglio regionale della Toscana

Approfondimenti

Può interessare: A Firenze un hub digitale dove si costruisce il futuro

Francesco Ugolini