• 01/02/2023

SI PARTE CON “CREARE UN’IMPRESA”

 SI PARTE CON “CREARE UN’IMPRESA”

«In principio Dio creò il cielo e la terra. La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo Spirito di Dio aleggiava sulle acque.»

Per l’entrata in scena di questa nuova rubrica non ci siamo risparmiati e abbiamo scomodato perfino la Genesi.

Vorremmo parlare dei vari aspetti che riguardano la creazione di un’impresa. Partiremo dall’idea originale che ne ha mosso la possibile attivazione e di come la stessa può essere “vestita” per assicurarne la sostenibilità e lo sviluppo armonico.

Facciamo a meno, per il momento, di utilizzare il termine START UP proprio perché vorremmo parlare dell’avvio di un’impresa a prescindere dagli stereotipi, dalle regole che inquadrano le cosiddette START UP, dai meccanismi classificatori utilizzati da Camera di Commercio, banche ed altri providers. Per quanto ovvio non si tratta di un’esclusione di principio, prevedendo di  utilizzarlo all’abbisogna.

Si intende semplicemente parlare, il più chiaramente possibile, dell’avvio di un’impresa, dei suoi stati primordiali, delle problematiche che possono pervadere il futuro imprenditore. E con questo, magari, guadagneremo qualche punto in termini di considerazione nei confronti dell’Accademia della Crusca ma, pur essendone eventualmente fieri, non era certo questa l’intenzione primaria.

Come di consueto il target a cui ci si riferisce è basico, proprio per accogliere il maggior numero di potenziali interessati. Le riflessioni muoveranno principalmente in logica bottom up. Aprire un’impresa oggi attiva molti più scrupoli dei tempi passati. E non solo per una maggiore presa di coscienza ma soprattutto perché i tempi sono cambiati. Proprio per questo potrebbe essere opportuno investire non solo risorse economiche ma anche competenze e sensibilità alle continue evoluzioni. TOSCANA ECONOMY, anche in questo ambito, vuole continuare ad essere un punto di riferimento per i suoi lettori. La estrema coerenza delle riflessioni proposte ne fanno anche un possibile Partner che potrà accompagnare crescita e sviluppo delle proprie idee. Per questo, care lettrici e cari lettori, non esitate a contattarci per possibili scambi di vedute.

Appuntamento fra quindici giorni con il primo articolo della nostra nuova rubrica CREARE UN’IMPRESA. Ci si è resi conto che mancava nel panorama delle rubriche già attivate. Con i suoi spunti e riflessioni si candida a complementare ed integrare quanto già offerto.

Mentre per le persone la sola certezza è la fine terrena, per le imprese l’unico momento veramente scontato è il loro inizio. La prosecuzione, evoluzione, crescita, cambio di direzione, spin off ed altro si conquistano nel corso degli anni, senza dare niente per assodato e definito. Ma per questo la nostra testata, già da tempo, offre spunti in altre rubriche, non ultima QUESTIONI D’IMPRESA.

Con la tenuta a battesimo di CREARE UN’IMPRESA riteniamo di aver intercettato un ulteriore bisogno dei nostri lettori, specie in un momento complicato come l’attuale, dove ciò che poteva essere considerato un punto fermo stenta a rimanere tale per lungo tempo. Come per le altre rubriche la sua finalità è quella di generare una relazione con il lettore, di crescere insieme e poter trarre reciprocamente importanti e proficue utilità.

TOSCANA ECONOMY, anche con CREARE UN’IMPRESA, continua ad esserci.

Umberto Alunni

Giornalista, consulente aziendale, motivatore, scrittore

ADV

LA SICUREZZA DELLE IMPRESE È A PORTATA DI SMARTPHONE

Il Corpo Vigili Giurati, leader nella sicurezza da quasi 100 anni, integra la vigilanza h24 con le più avanzate tecnologie: telecamere con sensori di movimento, allarmi controllabili da remoto, collegamento GPS. Nel 2023 lancerà una novità smart e sostenibile: la serratura elettronica con app dedicata e integrata con sistemi di risparmio energetico e purificazione dell’aria.

Leggi anche