• 20/01/2022

Lamioni (Confartigianato) eletto vicepresidente di Artigiancredito

 Lamioni (Confartigianato) eletto vicepresidente di Artigiancredito

Giovanni Lamioni

Firenze, 9 luglio 2021 – È Giovanni Lamioni il nuovo vicepresidente di Artigiancredito. L’imprenditore, eletto ufficialmente ieri durante l’assemblea dell’istituto, affiancherà il neo presidente Fabio Petri nella gestione del più importante consorzio fidi italiano

Imprenditore nel settore del restauro, Lamioni è già presidente di Confartigianato Imprese Grosseto e di Artex, il consorzio per la promozione dell’artigianato artistico toscano. Manager di grande esperienza, Lamioni è anche vice presidente vicario di Confartigianato Imprese, con deleghe alle attività produttive, l’economia, il credito, il turismo e il lavoro.

“Sono molto felice di questa nomina prestigiosa – ha dichiarato Lamioni -. Ringrazio il presidente Petri che mi ha indicato. Artigiancredito è una realtà importante e solida che lavora a sostegno delle imprese, garantendo importanti volumi di finanziamenti e che ha lanciato importanti prodotti innovativi, tra cui cito il prefinanziamento del super bonus 110% Artigiancredito è un partner strategico per le imprese perché favorisce il loro  accesso al credito e quindi il loro sviluppo”.

Artigiancredito è un consorzio nato dalla fusione per incorporazione di Unifidi Emilia Romagna in Artigiancredito Toscano. Nel 2020 ha prestato alle imprese garanzie per 560 milioni di euro, con un incremento del 15%  rispetto all’anno precedente. Attualmente sono oltre 116.000 le aziende associate al consorzio fidi, e 1,1 miliardi di euro le garanzie in essere. Il consorzio ha 142 dipendenti e si colloca al vertice dei consorzi fidi vigilati nel nostro paese, con un capitale primario di classe uno di 103,8 milioni di euro.

Fonte: Confartigianato imprese Toscana

Approfondimenti

Può interessare: Maestri Artigiani e professionisti della cultura dialogano sul futuro dell’artigianato, Confartigianato FI: una “collettiva” per portare il Made in Tuscany a Los Angeles

Francesco Ugolini