• 18/04/2024

Inail Toscana: la persona al centro del nostro impegno

 Inail Toscana: la persona al centro del nostro impegno

Anna Maria Pollichieni

INTERVISTA A

Anna Maria Pollichieni, direttore regionale Inail Toscana

L’Inail è un ente in grado di operare a tutto campo per la tutela della salute negli ambienti di lavoro e di vita, fornendo assicurazione e indennizzo; prevenzione e ricerca scientifica; interventi di cura, riabilitazione e reinserimento ai lavoratori infortunati e servizi di consulenza, certificazione e verifica alle imprese. Per conoscere il raggio d’azione di questo ente nella nostra regione, abbiamo intervistato Anna Maria Pollichieni, direttore regionale Inail Toscana

Quali sono i casi più frequenti di infortunio sul lavoro oggi? E quali ambiti lavorativi preoccupano maggiormente per i rischi d’infortunio?

Dall’analisi degli Open data Inail relativi al quinquennio 2017-2021, rilevati al 30 aprile 2022, nella regione Toscana l’andamento infortunistico è stato pressoché costante nei primi 3 anni, assestandosi su valori di circa 49.000 infortuni l’anno, per poi decrescere a 41.000 nell’anno 2020 e incrementarsi di circa 2.000 casi nell’anno 2021.

Nel periodo in disamina, circa l’83% degli infortuni è avvenuto in occasione di lavoro mentre il restante 17% si è verificato in itinere, intendendosi per tale l’infortunio accaduto nel percorso dal luogo di abitazione a quello di lavoro e viceversa. L’analisi territoriale, evidenzia poi che il 38% degli infortunati sono donne, mentre il 50% delle denunce riguarda la popolazione di età compresa tra i 40 e i 59 anni. L’evento infortunistico, con esito mortale, pur restando costante nel quinquennio 2017-2021 (circa 79 l’anno), nel 2020 ha registrato un sensibile aumento di quelli occorsi in occasione di lavoro per Covid-19. I settori in cui si registrano un maggior numero di denunce di infortunio nel 2021, sono stati quello manifatturiero, trasporto e magazzinaggio, costruzioni.

Su quali fronti Inail sta potenziando i servizi per gli assicurati e in funzione di quali fattori in particolare?

Prevenzione e reinserimento sono tra le priorità dell’azione dell’istituto, che nel corso del tempo ha integrato il ruolo svolto tradizionalmente sul versante dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, con nuove funzioni in materia di prevenzione, riabilitazione e reinserimento. Le diverse aree di azione hanno un comune obiettivo: ridurre il fenomeno infortunistico, assicurare dai rischi e garantire sempre maggiori livelli di tutela dei lavoratori.

Quali iniziative sono state realizzate da Inail a ottobre e quali in programma invece nei prossimi mesi?

In materia di prevenzione è stato recentemente rinnovato il Protocollo di intesa con gli enti paritetici dell’edilizia finalizzato ad un’azione di formazione, informazione, assistenza e consulenza nei confronti delle piccole, medie e grandi imprese che hanno, tra le maestranze, lavoratori particolarmente esposti a rischio di infortunio. L’azione di prevenzione si realizza anche con attività di informazione e formazione destinate a studenti, nella convinzione che la costruzione della cultura della sicurezza inizia in un momento antecedente a quello dell’ingresso nel mondo del lavoro. Al riguardo è attivo il Master in Igiene Industriale, frutto di una convenzione tra l’Inail regionale e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa. In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, che si celebra il 22 novembre di ogni anno, l’Inail Toscana ha realizzato iniziative per sensibilizzare sull’importanza della prevenzione degli infortuni negli ambienti scolastici. In materia di reinserimento, la strategia d’azione di Inail è quella di mettere la persona al centro del nostro impegno, attraverso il reinserimento sociale (abbattimento di barriere architettoniche presso l’abitazione, fornitura di veicoli e dispositivi speciali come protesi, ortesi, etc.) e il reinserimento lavorativo impegnandoci come istituto a sostenere i lavoratori vittime di infortunio o malattie professionali e le loro aziende, per garantire la continuità lavorativa o l’inserimento in una nuova occupazione attraverso progetti personalizzati di reinserimento lavorativo. In tale modo si contribuisce anche a integrare la logica della produttività con le preoccupazioni di natura etica, secondo quella visione strategica meglio nota come Responsabilità Sociale d’Impresa.

Un’ altra importante attività è quella della promozione delle attività sportive: abbiamo infatti siglato una collaborazione con il Comitato Paralimpico Italiano per promuovere la pratica delle diverse discipline. Inoltre, Inail offre supporto psicologico ai propri assistiti che hanno difficoltà a convivere con la menomazione subita.

Per approfondimenti: Inail 

Giulia Baglini

Giornalista specializzata sui temi dell’innovazione e della sostenibilità

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche