• 20/06/2024

Imprese di Pisa, Massa-Carrara e Lucca

 Imprese di Pisa, Massa-Carrara e Lucca

Lucca

Un 2022 positivo per le imprese delle province di Pisa, Massa-Carrara e Lucca. Le attese sul 2023 orientate ad un cauto ottimismo

Crescono fatturati e occupazione. Le attese per il 2023 restano positive. Preoccupano inflazione, fiacchezza della domanda, problemi di liquidità aziendale ma anche le difficoltà a reperire il personale.

Nel 2022 quasi 6 imprese su 10 delle province di Lucca, Massa-Carrara e Pisa segnalano un aumento di fatturato rispetto all’anno precedente mentre solo 2 su 10 hanno subito una riduzione.

La situazione è migliore nel settore industriale, con 7 imprese su 10 che hanno avuto aumenti di fatturato e tra le artigiane (66%) mentre nei servizi non si va oltre il 52%.

Si tratta di una crescita favorita da una buona dinamica della domanda (nazionale e internazionale) e, solo in parte, dal rialzo dei prezzi  – fenomeno che ha riguardato circa il 50% delle imprese. L’85% delle attività dell’area hanno subito rincari di costo imputabili al caro materie prime e prodotti energetici.

Meno netta, ma positiva, la dinamica occupazionale: 23 imprese su 100 hanno aumentato i propri organici a fronte di 13 che, invece, li hanno ridotti.

A dirlo sono i dati emersi da “ClimaImpresa 2023”, il primo sondaggio realizzato dalla Camera di Commercio della Toscana Nord-Ovest, in collaborazione con l’Istituto di Studi e Ricerche, nel periodo 14-25 giugno 2023, presso 260 imprese delle province di Lucca, Massa-Carrara e Pisa per verificare dinamiche e tendenze del sistema produttivo.

Le attese per il 2023 restano orientate all’ottimismo: il fatturato delle aziende delle tre province è atteso in crescita nel 44% dei casi, risulta stabile per 1 impresa su 3 (era 1 su 5 nel 2022) mentre un 25% si attende una contrazione.

Chiamate a fornire indicazioni in merito all’evoluzione del proprio mercato di riferimento le aziende si mostrano però molto meno ottimiste: a fronte di un 26% che prevede una crescita un altro 31% si aspetta invece un peggioramento.

Le attese sono condizionate dalla preoccupazione delle imprese per l’aumento dei costi di produzione (segnalato da circa 2 imprese su 3), ma anche dall’indebolimento della domanda (segnalato dal 35% delle aziende) e da possibili problemi di liquidità (segnalati dal 26%).

“I dati emersi dal sondaggio “ClimaImpresa 2023” – afferma il Presidente della Camera di Commercio Toscana Nord-Ovest, Valter Tamburini – confermano il buon momento dell’economia delle province di Lucca, Massa-Carrara e Pisa anche per il 2023.

Tuttavia non dobbiamo sottovalutare la preoccupazione espressa dalle imprese non solo per il continuo aumento dei costi ma anche per l’indebolimento della domanda.

E’ quindi necessario – prosegue Tamburini – attivare tutte quelle iniziative che, pur all’interno di un quadro di finanza pubblica molto complesso, puntino a stimolare la domanda interna e a ridurre la pressione sul fronte dei costi.

La Camera di Commercio della Toscana Nord-Ovest, per quanto di competenza, continua ad impegnarsi per sostenere le imprese sul fronte della formazione, dei contributi ma anche con servizi di accompagnamento che le aiutino a crescere sui mercati esteri.”

Da Camera di Commercio della Toscana Nord-Ovest ufficio comunicazione

Leggi altro sull’economia toscana

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche