• 19/06/2021

Il primo deposito di GNL del Mediterraneo parla anche toscano

 Il primo deposito di GNL del Mediterraneo parla anche toscano

Gas and Heat, società con sede a Tombolo (Pisa) è tra le protagoniste della realizzazione del primo deposito costiero di gas naturale liquefatto nel Mediterraneo. Soddisfazione dell’Unione Industriale Pisana: “l’azienda è una nostra eccellenza che esporta da oltre 70 anni i suoi prodotti in tutto il mondo ed è un pilastro dell’industria manifatturiera toscana”.

Pisa, 9 giugno 2021 – Gas and Heat, azienda leader nella realizzazione di serbatoi e impianti per lo stoccaggio e la propulsione di gas criogenici in ambito marino, è tra i protagonisti dell’avvio della metanizzazione della Sardegna. Il 26 maggio scorso è stato inaugurato il primo deposito costiero di gas naturale liquefatto (GNL) costruito in Sardegna e nel Mediterraneo. Si tratta di una sfida iniziata a tappe, sin dal 2015, e che ora è arrivata al traguardo con la consegna del Deposito alla società proprietaria del Deposito Costiero e con il primo scarico di GNL dalla nave Avenir Accolade, già cliente dell’azienda.

“Il progetto del primo deposito denominato ‘Small Scale LNG’ è partito nel 2015 – racconta il presidente Mauro Evangelisti -. Nel 2017 abbiamo realizzato quattro serbatoi e impianti gas installati a bordo della bunker vessel Avenir Accolade e della gemella Avenir Advantage; nel 2019 sono iniziati i lavori per la realizzazione del Deposito Costiero da 9000 m3 nel porto industriale di Oristano. Adesso assistiamo allo scarico di GNL dalla nave e al conseguente riempimento dei serbatoi del deposito, per dare, come più volte sottolineato anche dal presidente della Regione Christian Solinas ‘una opportunità reale a tutta la Sardegna”.

Soddisfazione e orgoglio per la portata storica del progetto sono condivisi dall’Unione Industriale Pisana attraverso le parole della presidente Patrizia Alma Pacini: “Gas and Heat rappresenta una eccellenza del nostro territorio che fonde unicità e qualità nella propria produzione. L’azienda progetta e realizza serbatoi e impianti per lo stoccaggio di gas criogenici in ambito marino e terrestre, ed è riconosciuta tra le eccellenze italiane che esportano prodotti ad alto contenuto tecnologico ormai fondamentali alla transizione energetica in tutto il mondo”. “Unione Industriale Pisana – conclude Pacini – è orgogliosa di annoverare Gas and Heat tra i suoi soci e ringrazia per lo sforzo continuo che l’azienda dimostra con la certificazione ISO 45001 in innovazione, formazione e sicurezza”.

Gas and Heat Spa è una family company, ora alla terza generazione, da sempre guidata dalla famiglia Evangelisti. L’azienda vanta la storia più longeva, oltre 70 anni, nella realizzazione di serbatoi e impianti in tutta Europa. “Dagli anni ’80 a oggi – racconta Lisa Cotrozzi, responsabile risorse umane, marketing e relazioni esterne di Gas and Heat – abbiamo realizzato oltre 37 impianti del carico installati a bordo di navi e ben oltre 100 serbatori con diametri da 6 a 14 metri”. La società, inoltre, lavora per la sua totalità con clienti esteri, con l’unico stabilimento di Tombolo, in provincia di Pisa, che si estende lungo il canale dei Navicelli su un’area di oltre 37.000 metri quadrati, oltre 7.000 dei quali coperti. “Con la sua peculiare logistica – prosegue Cotrozzi – ci permette di lavorare serbatoi e impianti non trasportabili se non attraverso il canale dei Navicelli da cui arriviamo nel porto di Livorno. Sin dalla sua costituzione, Gas and Heat realizza impianti per il trasporto e lo stoccaggio di gas criogenici, come l’etilene o il GPL, ma negli ultimi 5 anni ci siamo concentrati sul GNL, gas a minor impatto e più pulito”. 

Fonte: Unione Industriale Pisana

Francesco Ugolini