• 02/03/2024

Fondazione Noi – Legacoop Toscana: la cooperazione innovativa

 Fondazione Noi – Legacoop Toscana: la cooperazione innovativa

Irene Mangani

INTERVISTA A

Irene Mangani, presidente Fondazione Noi – Legacoop Toscana

La prima esperienza di cooperativa nasce nel 1844 in Inghilterra per poi diffondersi in tutta Europa. Oggi, a livello mondiale, coinvolge circa 1 miliardo di persone, per un fatturato totale di oltre tre trilioni di dollari l’anno. In Toscana sono attive 3500 società cooperative con un valore della produzione complessivo superiore a 10,5 miliardi di euro e 81.000 occupati diretti

“Le cooperative possono essere di utenza o consumo, di conferimento, come le cantine sociali, e di lavoro. Queste ultime nascono per ottenere migliori condizioni a livello retributivo – afferma Irene Mangani, presidente di Fondazione Noi – Legacoop Toscana – dei soci partecipanti. L’elemento della partecipazione è fondamentale nell’impresa cooperativa, innovativo rispetto alle tendenze attuali, perché ci stiamo rendendo conto che risponde in modo più adeguato ai bisogni collettivi e contribuisce a mettere a punto nuovi servizi dimostrando una maggiore capacità di dare risposte innovative in sintonia con le richieste dei territori e delle comunità”.

Quali sono i percorsi formativi nei processi di innovazione dell’impresa cooperativa?

La Fondazione Noi – Legacoop Toscana nasce nel 2018 con lo scopo di promuovere i valori della collaborazione e favorire la nascita di startup cooperative. Insieme alle grandi cooperative toscane diamo un supporto a tutte le altre cooperative che decidono di alzare il livello delle competenze per diffondere la cultura imprenditoriale in forma cooperativa attraverso percorsi di formazione per i soci che entrano nei CdA, come ad esempio il corso “Spazi di Cultura Gestionale”. Uno strumento che possiamo definire innovativo in forma cooperativa sono i WBO (workers buy out) per quelle imprese che per qualche motivo vengono chiuse e che al loro interno hanno delle competenze per portare avanti l’impresa. In questo caso possono essere recuperate e acquisite dai dipendenti che comprano le quote dell’impresa e si organizzano in forma di cooperativa per preservare il loro lavoro. Abbiamo poi siglato degli accordi quadro con i tre atenei generalisti della regione, Pisa, Siena e Firenze, all’interno dei quali portiamo avanti dei corsi specifici per la crescita dell’impresa in forma cooperativa.

Come si declinano sostenibilità ambientale, economica e sociale nell’impresa cooperativa?

La cooperativa è la forma di impresa che in un certo senso anticipa il concetto di sostenibilità nelle sue tre declinazioni. Nel suo DNA possiede una governance partecipata, democratica per definizione, che promuove il rafforzamento di principi e valori etici e morali. Le società cooperative hanno sempre rappresentato un modello alternativo a quello lucrativo: a seconda del settore di esercizio, offrono servizi o beni ai soci a condizioni più vantaggiose di quelle che gli stessi otterrebbero sul mercato, proprio per quello scopo mutualistico alla base della sua essenza. Le imprese cooperative creano opportunità occupazionali, contribuiscono all’equità e giustizia sociale e consentono ai soci di giocare un ruolo chiave nella società e nelle comunità locali. La sostenibilità economica fa parte dello scopo della cooperativa: le persone che ne fanno parte scommettono proprio nelle loro capacità per competere con chi ha i capitali. Per quanto riguarda la parte dell’ambiente, la cooperativa, fin dalle origini, ha tra i suoi valori fondanti la cura del territorio e della comunità in cui si trova. Questo perché l’impresa cooperativa, essendo patrimonio dei soci, non si delocalizza, è radicata, non può spostarsi.

Per approfondimenti: Noi – Legacoop

Paola Carella

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche