• 15/10/2021

Economia circolare: nuova collaborazione tra REVET e IED per realizzare gli interni del futuro

 Economia circolare: nuova collaborazione tra REVET e IED per realizzare gli interni del futuro

Sgabelli componibili colorati – progetto studenti IED Firenze in granulo Revet di plastica riciclata da raccolte differenziate dei cittadini toscani

Firenze, 16 luglio 2021 – “Il miglior rifiuto è quello che non si produce”. Se è vero questo assunto significa che, come giustamente individua l’Unione europea nella sua gerarchia per la corretta gestione del rifiuto, il primo passo da compiere è quello di progettare prodotti e beni sostenibili, in una parola ecodesign. Da questa esigenza e con questo auspicio nasce la collaborazione tra REVET e Istituto Europeo di Design – IED Firenze.

Già da due anni infatti gli studenti del corso triennale in Interior Design, coordinato da Cecilia Chiarantini all’interno del corso di Product design, tenuti dai docenti Eva Parigi e Colomba Pecchioli, progettano prodotti e interni all’insegna del minor impiego di materia, che siano facilmente modulabili e riusabili nel tempo (upcycling) e che utilizzino materiali, laddove possibile, riciclati come i compound prodotti da Revet.

“Come Revet in questi anni ci siamo concentrati sugli investimenti funzionali alla creazione del più importante hub del riciclo dell’Italia centrale – ha spiegato il presidente di Revet Livio Giannotti – ma l’economia circolare presuppone come prima cosa un’attenzione importante ai temi della progettazione. Per questo anche quest’anno abbiamo accolto con favore la collaborazione con Ied, sperando di consapevolizzare i futuri designer della necessità di progettare oggetti non solo belli, ma anche sostenibili”.

L’obiettivo del progetto “Plastic green” varato da Ied Firenze e Revet per il corso 2020-21 è “immaginare un progetto d’interni, nella fattispecie l’attuale aula didattica di Revet utilizzata per riunioni, assemblee, incontri, e presentazioni pubbliche (anche con ragazzi delle scuole), con un arredo costituito da materiali e semilavorati messi a punto dall’azienda, con preferenza per lastre-granuli – granuli per la stampa 3D.”

“Ecosostenibilità e design sono un binomio ormai imprescindibile: designer e aziende hanno il ruolo di fare da apripista per atteggiamenti responsabili che diventino la norma – ha aggiunto Eva Parigi docente del corso Product Design IED Firenze -. Ecodesign è un concetto che va oltre l’innovazione, è pratica quotidiana sia per chi progetta che per chi fa formazione. E le giovani generazioni rispondono con un entusiasmo genuino e preziosissimo.”

In una prima fase Revet, società controllata da Alia servizi ambientali spa, ha presentato il tema fornendo agli studenti le informazioni necessarie a sviluppare il progetto. Nella seconda fase gli studenti hanno fatto ricerca e analisi dedicandosi all’individuazione del concept, rappresentato attraverso un moodboard di immagini in grado di raccontare le idee alla base dell’elaborato che lo studente svilupperà nelle fasi successive.

A seguire il progetto d’interni è stato rappresentato nel dettaglio con layout funzionale, sezioni e prospetti, rendering e focus sui materiali di finitura e illuminazione. In sede d’esame infine sono stati presentati dieci elaborati e come ogni volta, i materiali riciclati nel pensiero creativo degli studenti assumono un appeal insperato. “Vedere nei rendering l’aula interpretata con luci e colori che parlano di sostenibilità coniugata a materiali riciclati tradotti in oggetti intelligenti e moderni ci rende sempre più consapevoli che questa sia la strada giusta. “.

Gli studenti che hanno partecipato all’attività 2020-21 sono stati: Giorgia Allegri, Enya Arrigoni, Emma Beduini, Diletta Bandinelli, Sara Bendandi, Mattia Bernardini, Paolo Cicatiello, Martina Crifò, Francesca Fontanella, Veronica Gasperini, Giulia Goti, Marco Guberti, Giulia Maestrini Vescovi, Martina Londi, Aurora Magherini, Sofia Masselli, Ginevra Pepi, Lorenzo Pini, Bianca Pucci, Samuele Ruggiero, Francesca Schiavo, Virginia Senatore, Stefania Trotta, Simone Vinella, Chiara Zari, Gerardo Zarrilli, Giulia Zucchi.

Fonte: Studio Maddalena Torricelli

Approfondimenti

Può interessare: A Berlino in mostra l’economia circolare made in Prato, Prato circolare e verde alla Biennale delle città del mondo

Francesco Ugolini