• 02/08/2021

Ecco il Principe: l’offerta per i top client della Versilia

Cristina Vascellari,
general manager del Principe Forte dei Marmi

Nel 2019 ha fatturato 8,6 milioni di euro, ma a causa dell’emergenza sanitaria mondiale, nel 2020, gli incassi si sono dimezzati. Adesso si punta sulla ripartenza, ma il turismo post pandemia segue altre logiche: nuove tempistiche di programmazione, un diverso time-to-market. Ne abbiamo parlato con Cristina Vascellari, general manager del Principe Forte dei Marmi, il boutique hotel inaugurato a luglio 2010, fiore all’occhiello del panorama alberghiero versiliese

Suite da 90 metri quadrati e da 5mila euro a notte («ma è il prezzo massimo in alta stagione, in inverno si trovano camere anche a 500 euro»), purtroppo in tempi di pandemia stancamente adagiate in un contesto che avrebbe invece bisogno di ripartire a tutto gas. E poi l’attenzione quasi maniacale al particolare: non a caso le “camere” (anche se ci fa un po’ strano chiamarle così e ridurne l’esatta portata) sono solo 28, in un complesso, quello del Principe Forte dei Marmi (categoria cinque stelle lusso) che a prima vista sembrerebbe ben più imponente. 

Nel suo accogliente guscio deve, infatti, contenere anche una Spa (molto “high tech”), un ristorante stellato Michelin (con ai fornelli lo chef Valentino Cassanelli), un altro ristorante di cucina più tradizionale e locale, uno sky lounge bar (oltre ovviamente a tutti gli altri locali accessori). E che all’esterno, ma strettamente collegati alla “casa madre”, vede anche una piscina e da un paio d’anni una spiaggia privata con annesso terzo ristorante e «una cinquantina di tende distanziate 10 metri l’una dall’altra, ben oltre quanto richiederebbe l’ultima normativa», come dice Cristina Vascellari, amministratore unico e general manager del complesso, che nel 2019 ha fatturato 8,6 milioni di euro (dimezzato nel 2020 a causa dell’emergenza sanitaria mondiale).

Un’attenzione massima per il cliente, si diceva, tanto che siamo di fronte a una “galassia” da 110 dipendenti e 7 area manager, uno per ogni reparto: dall’accoglienza alle pulizie, passando per la ristorazione, la spiaggia, la spa. 

«Particolari – spiega Vascellari – che generalmente percepisce di più un cliente straniero e non a caso i nostri ospiti provengono per lo più dall’estero: il nostro primo mercato è quello statunitense, poi ci sono gli arabi e i russi, mentre tra gli europei siamo scelti soprattutto dagli inglesi».

Clientela, anzi “top client”, che il management del Principe va a “catturare” in giro per il mondo. «Investiamo fortemente nelle fiere di settore, a partire dall’Iltm (International luxury travel market) di Cannes e Dubai – dice Vascellari – e non manchiamo gli appuntamenti dedicati al lusso e al segmento leisure. Incontriamo poi frequentemente agenzie specializzate».

L’hotel generalmente resta aperto tutto l’anno, anche se la pandemia ha giocoforza ridimensionato le ultime due stagioni e ridisegnato anche la geografia dell’incoming. 

«Le esigenze di un ospite straniero – spiega Vascellari – sono completamente diverse da quelle di un italiano. Si pensi solo alla colazione: per soddisfare le richieste della clientela italiana abbiamo dovuto cambiare completamente la tipologia di offerta».

Il Principe è un hotel relativamente giovane, avendo aperto i battenti solo nel giugno 2010. Ma una città che vive nel lusso, come Forte dei Marmi, aveva bisogno di un’altra struttura…di lusso? 

«I fatti – risponde Vascellari – dimostrano che è così. La nostra è un’offerta che si ritrova nei grandi alberghi all’estero e questo, secondo me, mancava a Forte dei Marmi, che è invece caratterizzata da tanti hotel a conduzione familiare».

Poi, la domanda più difficile: cosa ci possiamo aspettare da questa stagione 2021, dopo tante false partenze? 

«Le persone attendono ancora a prenotare – conclude l’amministratore dell’hotel – e lo dimostra il fatto che ormai giugno (mese nel quale abbiamo sempre lavorato molto bene, anche con i matrimoni) è praticamente saltato e a luglio e agosto abbiamo ancora posti liberi laddove, fino a due anni fa, già a marzo chiudevamo i canali di prenotazione per l’alta stagione».

Spa ayurvedic treat room


APPROFONDIMENTI

www.principefortedeimarmi.com

David Meccoli

Giornalista - david.meccoli@toscanaeconomy.it