• 20/06/2024

Ance Toscana Nord sul codice dei contratti

 Ance Toscana Nord sul codice dei contratti

Il tavolo dei relatori; da sinistra, Cialdi, Panconi, la presidente di Ance Toscana Nord Daria Orlandi, Frediani e Rennis

Il commento del direttore degli industriali e della presidente degli edili di Lucca Pistoia e Prato dopo il riuscito convegno sul codice dei contratti

“È stato un convegno che abbiamo fortemente voluto, assieme agli associati della nostra sezione edile Ance poichè il rapporto contrattuale che lega le imprese con le pubbliche amministrazione è molto più diffuso di quanto si creda: impiantisti, fornitori di beni e servizi, società di progettazione e consulenza saranno interessati dalle novità normative che il codice dei contratti pubblici contiene”. Con queste parole Marcello Gozzi, direttore di Confindustria Toscana Nord ha commentato l’incontro di ieri (giovedi 15 giugno)  a Lucca, dove imprese, politica ed amministrazioni, esperti del diritto hanno messo sul piatto le potenzialità ma anche le criticità della legge che entrerà in vigore dal 1° di luglio. “Esiste un ulteriore aspetto che ci interessa, e problemi quotidiani che investono infrastrutture a servizio del territorio lo dimostrano (ultimo, la paralisi della Strada Regionale 325 Valdibisenzio, di solo due giorni fa):  il codice dovrà essere lo strumento per agevolare la realizzazione di opere che, oltre ovviamente ai residenti, dovrebbero agevolare il lavoro delle imprese che, a Lucca Pistoia e Prato sono disseminate praticamente ovunque. Un corpo di norme che favorisca la modernizzazione del sistema viario e ferroviario è molto più di un codice, ma se ben incardinato nel sistema giuridico generale diventa un’arma di politica industriale a servizi di tutto il mondo produttivo”.

“Una così importante adesione al nostro convegno ci dice molte cose; – dice Daria Orlandi, presidente di Ance Toscana Nord soddisfatta della riuscita della giornata -intanto, che l’interesse per questo tema è elevato, e questo, per quanto mi riguarda, dimostra una vitalità del comparto dell’edilizia, che riemerge da anni in cui si cercava di “galleggiare”; oggi il settore ha ripreso in mano la propria identità, vuole scommettere su se stesso e sta dimostrando di avere piena capacità di farlo. Importante per questo che si possa misurare con opere strutturali, come sono molte di quelle che vanno in gara con le stazioni appaltanti pubbliche. I nostri relatori, che ringrazio (qui elencati secondo l’ordine del programma del convegno: Emiliano Frediani, docente di diritto amministrativo dell’Università  di Pisa; Maria Cristina Panconi, dirigente del Comune di Lucca, Simonetta Fedeli, segretario e direttore generale del Comune e della Provincia di Prato, Leonardo Cialdi, assessore  del Comune di Pistoia, Maria Teresa Rennis, avvocato) hanno affrontato una serie di temi cruciali e spinosi, che purtoppo a pochi giorni dall’entrata in vigore del codice non sono pacifici: dalle modalità delle aggiudicazioni alla revisione dei criteri inerenti all’elenco degli operatori economici per le procedure negoziate e gli affidamenti diretti, al tema di un rapporto più sereno come dovrebbe nascere dall’istituto del soccorso istruttorio, con le pubbliche amministrazioni che in alcuni casi dovranno essere qualificate,  al tema per noi imprese fondamentale di un sistema organico per la revisione dei prezzi. Non dimentichiamo che questi istituti sono quelli che governeranno l’uso delle risorse provenienti dal PNRR, a cui non ci possiamo permettere di rinunciare”.

Daria Orlandi cita infatti, per condividerla, l’analisi di pochi giorni fa della presidente nazionale di Ance, la quale, ha evidenziato che  sicuramente  l’impennata dei materiali ha dato un fermo pesante di 6 mesi al Pnrr e le stazioni appaltanti hanno dovuto rivedere i progetti e aggiornare i prezzari. Ma sono tempi che possono e devono essere recuperati, senza snaturare l’impianto primario dell’intero piano e senza penalizzare le opere minori. Bene interventi importanti, ma non va ignorato che i  comuni italiani, dopo anni di impoverimento e di degrado, hanno bisogno anche della piazza e degli asili, di interventi a sostegno della sicurezza idraulica, di ospedali e case di cura.
“Opere – conclude Orlandi – a cui le nostre imprese non avranno alcuna difficoltà a fare fronte, se sostenute anche da un codice che responsabilmente tenga conto che ci troviamo in una fase, forse unica, della storia del Paese”.

 

toscana economy - Dopo il convegno sul codice dei contratti
Il direttore di Confindustria Toscana Nord, Marcello Gozzi, apre i lavori del convegno

Fonte: Confindustria Toscana Nord

Leggi altri articoli: in Primo Piano -Dalle Imprese Toscane

Redazione

Leggi gli ultimi contenuti pubblicati anche sulla nostra testata nazionale https://www.italiaeconomy.it

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche