• 01/03/2024

Ditecfer porta a Pistoia una sede del Polo Europeo per Intelligenza Artificiale

 Ditecfer porta a Pistoia una sede del Polo Europeo per Intelligenza Artificiale

Il Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso ha firmato nei giorni scorsi il decreto ministeriale che stanzia i fondi per il finanziamento dei Poli europei di innovazione digitale (in lingua inglese conosciuti come “Edih”). Tra questi vi è “AI Magister”, il polo dedicato all’intelligenza artificiale cui partecipa Ditecfer, il principale distretto tecnologico ferroviario italiano, che porterà così a Pistoia una delle sue sedi nazionali

Si tratta di 114,5 milioni di euro su fondi Pnrr per il “potenziamento ed estensione tematica e territoriale dei centri di trasferimento tecnologico per segmenti di industria”, che co-finanzieranno i 3 anni di start-up dei 24 nuovi poli.

Il polo AI Magister opererà sull’intero territorio nazionale, supportando l’adozione di soluzioni basate sull’intelligenza artificiale sia da parte di imprese operanti nei settori mobilità sostenibile e agri-food, sia da parte della pubblica amministrazione, con specifico riferimento ai Comuni.

Il soggetto promotore di AI Magister è composto da 19 partner, tra cui l’Università di Napoli Federico II, l’Università di Salerno, l’Università Politecnica delle Marche, lo Iulm di Milano e il principale incubatore e acceleratore italiano di start-up nel campo dell’intelligenza artificiale. All’interno della gestione, Ditecfer (sito web) sarà il soggetto che farà da catalizzatore delle esigenze di trasformazione della filiera ferroviaria in un’ottica di mobilità sostenibile. I Poli aiuteranno la transizione digitale dell’industria e della pubblica amministrazione, erogando servizi di test e sperimentazione, formazione e sviluppo delle competenze, sostegno all’accesso ai finanziamenti, networking e creazione di connessioni con start-up e realtà innovative italiane ed europee in grado di offrire soluzioni alle specifiche esigenze che le imprese e i Comuni esprimeranno per la loro transizione digitale.

Per le imprese, l’intelligenza artificiale può consentire lo sviluppo di una nuova generazione di prodotti e servizi, la riduzione di sprechi energetici e di consumo di risorse naturali e di materiali usati, l’ottimizzazione dei processi e l’aumento della qualità di prodotti e servizi, nonché la possibilità di liberare risorse umane da ruoli ripetitivi o a basso valore aggiunto – che potranno essere svolti dall’intelligenza artificiale – per destinarle a ruoli maggiormente qualificati.

Per i cittadini, l’intelligenza artificiale che entra nella pubblica amministrazione può significare una riduzione dei costi, l’offerta di nuove opzioni nel trasporto pubblico, nell’istruzione, nella gestione dell’energia e dei rifiuti.

I soggetti gestori dei poli attendono ora le indicazioni dal Ministero per poter procedere alla loro costituzione formale e all’avvio delle attività. Una cabina di regia ministeriale, prevista dal decreto, avrà il compito di monitorare l’attuazione dell’attività e di promuovere il coordinamento tra i diversi Poli nazionali.

«Si tratta – dice Daniele Matteini, presidente di Ditecfer e di Confindustria Toscana Nord – dell’ennesimo obiettivo centrato da Ditecfer in questi anni. Dopo tanti successi a livello europeo, con questa iniziativa riusciamo a portare sul territorio pistoiese un punto di accesso a servizi di alta innovazione e competitività per le imprese. Un’occasione per la nostra filiera, ma anche per il territorio, perché potrebbe portare con sé investimenti strategici sinergici per innovare e dinamizzare il nostro ecosistema industriale e sociale».

«Con questo nuovo strumento – spiega Veronica Elena Bocci, coordinatore di Ditecfer e vicepresidente dei Distretti ferroviari europei – allarghiamo l’azione di Ditecfer a una delle tecnologie avanzate più promettenti, e lo facciamo come ‘hub’ nazionale ma anche europeo, giacché, attraverso di noi, le imprese potranno avere accesso a servizi e soluzioni non solo ‘made in Italy’, ma anche di altri Paesi europei: nostro compito sarà quello di trovare le competenze giuste per l’esigenza specifica dell’impresa».

 

 

 

Leggi anche: https://toscanaeconomy.it/nuove-opportunita/

David Meccoli

Giornalista tradizionale e digitale, esperto in relazioni pubbliche e comunicazione d'impresa

ADV

La ricerca di personale a portata di clic

Bakeca.it, tra i 100 siti più visitati in Italia, è la soluzione ideale per trovare nuovi collaboratori.
Ogni giorno migliaia di persone navigano tra gli annunci presenti nella sezione Offerte di Lavoro, garantendo contatti e curricula alle imprese che stanno facendo attività di recruiting.
Una serie di servizi per le aziende completano l’esperienza di ricerca, fornendo preziosi dati e insight.

Leggi anche