• 15/10/2021

In un antico monastero fiorentino la “prima Scuola del Caffè aperta al pubblico”

 In un antico monastero fiorentino la “prima Scuola del Caffè aperta al pubblico”

Patrick Hoffer e Francesco Sanapo

Un esempio di rigenerazione urbana, la nuova caffetteria di Ditta Artigianale ospiterà da settembre La Scuola del caffè, accademia internazionale dedicata alla diffusione della cultura del caffè di eccellenza e della sua filiera.

Firenze, 5 luglio 2021 – È la prima caffetteria in Europa a ospitare in un luogo aperto al pubblico la Scuola del Caffè, e lo farà negli scenografici locali dell’ex monastero di Sant Ambrogio a Firenze. Un’impresa targata Ditta Artigianale, che dalla nascita nel 2014 ha fatto della sua stessa esistenza un primato, in quanto “prima linea di caffetterie dedicata a caffè di particolare pregio gustativo”. Non solo. Dopo 35 anni di disuso e un restauro durato quattro anni, l’ex monastero ora tornerà a nuova vita: la conferma che la rigenerazione urbana può offrire concrete opportunità alle città che la portano avanti.

“Ho messo l’anima in questo posto, quattro anni della mia vita – ha dichiarato Patrick Hoffer, con una certa emozione -. Ma ne valeva la pena: è il locale più bello d’Europa, secondo me. Abbiamo lottato con gli imprevisti. In questo luogo ci sono tante storie che si incontrano, sono riaffiorati tanti dettagli che adesso si possono notare, angoli bellissimi e suggestivi. Sono felice di questa ristrutturazione che restituisce il sapore di un senza tempo, rispettoso della storia di questo posto”.

Un progetto, quello di Ditta Artigianale, che punta a caratterizzare ogni sua caffetteria, donandole “un’anima affine ma una personalità propria, che supera il concetto di catena”. In questo caso, l’azienda ha puntato a investire sulla “toscanità e tradizione degli spazi sposandola con gli interni contemporanei dal carattere internazionale: è questo il focus dell’intervento di recupero dei 300 metri quadri, incluso refettorio e chiostro, a cura di Studio Q-bic, fondato dall’architetto Luca Baldini e dal designer Marco Baldini. Linee pulite, colori neutri percorsi dal verde che si riconnette simbolicamente al giardino interno, legno, ferro, ottone travi a vista sono le coordinate della ristrutturazione, mentre le pareti “ripulite” dalle più recenti tinteggiature ritrovano l’identità originale.”

L’obiettivo di Ditta Artigianale è la creazione di “un’accademia internazionale dedicata alla diffusione della cultura di eccellenza del caffè, oltre che a un centro di formazione permanente per i professionisti e luogo d’incontro per ogni amante del caffè.”

Il progetto di recupero del complesso di origine medioevale situato in via Carducci è stato realizzato in collaborazione con il Comune di Firenze e con il sostegno di ASP Montedomini, proprietaria dell’immobile. “Ditta Artigianale Carducci” è il terzo locale in città del gruppo guidato da Francesco Sanapo e Patrick Hoffer, prima linea di caffetterie specializzate in Italia e di micro-torrefazione dedicata al consumo consapevole.

Partner tecnici della Scuola del Caffè, che prenderà il via il prossimo settembre, saranno importanti player del settore: Hario, azienda mondiale di attrezzature brewing, conosciuta in tutto il mondo per la bellezza della forma e l’assoluta precisione e funzionalità degli oggetti e dei macchinari per l’estrazione alternativa di caffè; Simonelli Group, esperti a livello internazionale nella produzione di macchine per il caffè; Caffè Corsini, portavoce nel mondo del buon caffè prodotto in Toscana, con il sostegno di Confcommercio Firenze.

La scuola, che parte dalla necessità di creare un luogo di dialogo internazionale nel settore, vuole essere un punto di riferimento per baristi, tostatori, assaggiatori e appassionati “coffee lover”; si impegnerà nel portare una crescita in termini di sostenibilità, innovazione e conoscenza, coniugando il sapere di esperti del mondo del caffè con lo sviluppo delle tecniche più all’avanguardia: un’idea unica, dinamica e innovativa, capace di raccontare e fare conoscere l’eccellenza del mondo del caffè in maniera attuale e a più livelli di approfondimento. I locali ospiteranno corsi di tostatura, un laboratorio certificato Coffee Quality Institute (CQI) e Specialty Coffee Association (SCA), spazio per eventi e un barista shop dove acquistare attrezzature specializzate. A disposizione degli studenti stage formativi con importanti aziende del settore, oltre a borse di studio per corsi certificati SCA.

“Credo che questa sia una nuova pagina per la storia del caffè in Italia – ha dichiarato Francesco Sanapo, ex campione Baristi, Cup taster e co-ideatore di Ditta Artigianale -. Ho fortemente voluto una Scuola del Caffè, uno spazio di formazione per poter porre la passione e la preparazione professionale che contraddistingue Ditta non solo nel servizio nel servizio, ma anche nel training di nuove figure. Qui da Ditta crediamo sia fondamentale creare una nuova figura che sia capace di far vivere un’esperienza gustativa e guidare il cliente in un mondo che non sia limitato al semplice espresso da prendere frettolosamente e distrattamente.”

La scuola del Caffè ha prima di tutto un preciso scopo divulgativo: informare pubblico, appassionati e addetti del settore su quanto si nasconda dietro a una tazzina. Dal lavoro nelle piantagioni, alla torrefazione fino al bancone esiste un mondo fatto di ricerca, innovazione e attenzione alla sostenibilità umana e ambientale che si vuole raccontare e sostenere. La scuola intende formare esperti del settore pienamente consapevoli della provenienza del caffè, delle sfumature di sapore, delle molteplici tecniche di estrazione.

Altro scopo è quello di sensibilizzare sull’importanza della professionalità nel mondo dell’hospitality anche grazie alla collaborazione con aziende del settore come HARIO, istituti alberghieri, scuole professionalizzanti quali la Youth Academy di Simonelli Group, insieme alla quale metteranno a disposizione corsi di formazione certificati SCA. In programma master e corsi professionalizzanti per le varie figure del caffè, non solo per diventare ottimi baristi ma anche tostatori, assaggiatori, e master di alcuni mesi su come realizzare start up di specialty coffee, aprire una microtorrefazione o una caffetteria, oltre a laboratori aperti a curiosi e appassionati.

In cattedra alcuni tra i massimi esperti del settore e pluripremiati assaggiatori, come Francesco Sanapo, Francesco Masciullo, Simone Amenini e Michele Anedotti. Nel corso della sua attività, la Scuola del Caffè godrà di alcune collaborazioni di assoluto livello nel settore caffeicolo, quali Victoria Arduino, Confcommercio, Tone, Giesen. La voglia di coltivare nuovi talenti per un nuovo barista “del futuro” viene anche sottolineata dalla connessione con l’Istituto Alberghiero Aurelio Saffi di Firenze. La calendarizzazione ufficiale dei corsi verrà avviata da settembre 2021, ma dall’apertura dello store di Via Carducci sarà comunque possibile prenotare sessioni individuali.

Fonte: Chiarello Puliti & Partners

Approfondimenti

Può interessare: A Firenze un hub digitale dove si costruisce il futuro, Volterra 2022 – Rigenerare esprime il vero senso di comunità

Francesco Ugolini